Rea vince entrambe le gare in Indonesia

Jonathan Rea coglie la doppia vittoria sul nuovo circuito di Mandalika, ma non si sottrae al titolo di Toprak Razgatlioglu, neo campione del mondo Superbike.

I piloti del WorldSBK sono arrivati ​​ nel nuovo e suggestivo circuito di 4,3 chilometri a Mandalika, in Indonesia, desiderosi di correre l'ultima gara della stagione 2021, nonostante il caldo e l'umidità che hanno incontrato dalla prima ora, con temperature della pista che hanno superato i 50ºC. Jonathan Rea, anche dopo aver saltato gran parte della prima sessione di prove libere a causa di un problema tecnico, è stato il secondo più veloce a fine giornata.

 

Alex Lowes, dal canto suo, e già guarito dall'ultimo intervento chirurgico, è stato secondo nelle FP1 e settimo nelle FP2, finendo settimo assoluto di giornata. Una lenta caduta alla seconda curva gli ha fatto perdere un po' di tempo nel pomeriggio, ma non ha impedito al pilota di trovare un buon assetto per la prima gara del weekend.

 

Tuttavia, questa tanto attesa prima gara del fine settimana ha dovuto essere annullata a causa di una pioggia battente proprio mentre i piloti si stavano preparando a correre.

 

Diversi livelli di pioggia intensa sono rimasti nell'area della pista per un po' dopo l'orario di inizio della gara, previsto per le 15:00 del pomeriggio. Quando erano già le 16:00, la Direzione Gara ha annullato tutte le sessioni previste per sabato 20 novembre. Le due gare complete del WorldSBK si sarebbero così disputate domenica 21 novembre. La Tissot Superpole di 10 giri, che normalmente si tiene la domenica mattina, è stata definitivamente annullata.

 

Così Rea si è trovato con una possibilità in meno per cercare di recuperare il suo deficit di 30 punti con Toprak Razgatlioglu, con solo 50 punti e non i soliti 62 a disposizione di qualsiasi pilota che avrebbe potuto vincere ogni gara indonesiana.

 

In Superpole, Rea era sulla strada del primo posto fino ai minuti conclusivi della sessione, ma ha finito per prendere il secondo posto in griglia. Lowes non ha potuto partecipare alla Superpole e nemmeno alle gare di domenica dopo aver subito un infortunio alla spalla destra.

 

La prima gara di domenica è stata ridotta a 20 giri dopo una breve pioggia, ma è iniziata 15 minuti più tardi del previsto, con tutti i piloti pronti con le opzioni di gomme lisce.

 

Una prima gara molto divertente ha visto Jonathan Rea dimostrare tutto il ritmo e le qualità combattive che lo hanno reso campione del mondo fino a sei volte, facendo del suo meglio per togliergli il titolo. La vittoria è arrivata dopo una prestazione molto impegnata del nordirlandese, che in alcuni momenti ha comandato mentre, in altri, ha dovuto lottare con altri tre piloti per risalire in testa alla classifica.

 

Alla fine della gara, Rea aveva il controllo della sua posizione, ma aveva bisogno di un altro pilota che si mettesse tra lui e Razgatlioglu per lasciare la lotta per il campionato per l'ultima gara della stagione. Tuttavia, Toprak è passato dal terzo posto al secondo verso la fine, il che è stato sufficiente per decidere il campionato a suo favore.

 

La seconda gara si è svolta sul bagnato, con la partenza ritardata di oltre un'ora per consentire un sensibile calo del livello di pioggia. Infine, la gara si è svolta su 12 giri, invece dei 21 previsti.

 

La seconda gara si è conclusa con uno scontro diretto tra Rea e Redding, con Jonathan che ha conquistato per la seconda volta la vittoria per registrare la sua tredicesima vittoria della stagione. Ha concluso l'anno sul podio, mentre Lowes ha conquistato l'ottavo posto nella sua seconda stagione con Kawasaki.