Bradl conclude la stagione in grande stile

Stefan Bradl ha tagliato il traguardo in settima posizione, il migliore della sua stagione come sostituto di Marc Márquez. Alex è arrivato nono in Portogallo.

L'Autódromo Internacional do Algarve ha ospitato, per la prima volta, un test MotoGP lo scorso fine settimana. È stato l'ultimo Gran Premio di questa rara e confusa stagione 2020, ritardata e accorciata dalla pandemia globale. Il Gran Premio del Portogallo ha servito Stefan Bradl a dimostrare il suo valore, su un circuito completamente nuovo per gran parte della griglia. Con queste condizioni sullo sfondo, il pilota tedesco ha tagliato il traguardo in sesta posizione, il suo miglior risultato da quando era in sella alla RC213V. Álex Márquez è progressivamente migliorato fino alla nona posizione, piazzando entrambi i piloti Honda nella Top10 di una gara davvero strana.

 

Il Gran Premio del Portogallo finora non faceva parte del calendario della MotoGP. Il circuito, quindi, era sconosciuto alla stragrande maggioranza dei piloti di tutte le categorie, ad eccezione del chiaro vincitore della MotoGP: Miguel Oliveira. In questa situazione lo slogan era migliorare progressivamente giro dopo giro e senza rischiare l'ultima gara dell'anno. Tuttavia, per Stefan Bradl è stato un weekend chiave. La stagione come sostituto di Marc Marquez è stata a dir poco dura. Come tester, commentatore e pilota in pensione, il giro in griglia è stato una vera sfida. Anni di esperienza sono stati fondamentali per il suo rapido adattamento all'Autódromo Internacional do Algarve. Si è qualificato sesto in Q2, sessione a cui non aveva avuto accesso fino a sabato scorso. Álex Márquez si è dovuto accontentare della sedicesima posizione in griglia, cosa che avrebbe risolto domenica.

 

Era il giorno della gara, l'ultimo della stagione. I sentimenti erano visibili. Alcuni piloti salutavano il paddock, altri cambieranno squadra. Tutti volevano giocare un ruolo fondamentale nel Gran Premio del Portogallo. Bradl è partito dalla sesta posizione e ha lottato con la freddezza e la serenità che lo caratterizzano, senza pretendere il suo completamento. Marquez, invece, stava prendendo confidenza ad ogni giro e la rimonta stava avvenendo a poco a poco. I tifosi mancavano sugli spalti ma non sulle televisioni. L'Autodromo si è rivelato una pista molto divertente e suggestiva, con immagini che rimarranno nella memoria di tutti gli appassionati.

 

La perseveranza ha pagato e Stefan Bradl ha tagliato il suo ultimo traguardo (di questo 2020) in settima posizione. È il miglior risultato per il tedesco e arriva in un momento dolce, come la ciliegina sul suo tempo al Repsol Honda Team. Marquez ha sopportato il recupero e ha concluso al nono posto nel GP del Portogallo. Non è riuscito a vincere il titolo come matricola dell'anno ma la sua progressione è impeccabile, con grandi momenti per la squadra. Inizia ora la preparazione per la prossima stagione, un progetto che presto la squadra scoprirà.

 

Forward Racing continua ad imparare

La stagione della Moto2 è stata una stagione di alti e bassi per i piloti MV Agusta Forward Racing, che hanno avuto il loro miglior tempo a metà anno. Manzi ha conquistato una pole molto difficile nell'ultimo GP di Valencia ed è arrivato a Portimao incoraggiato. L'italiano è partito molto bene, ma è stato difficile per lui tenere il passo su un circuito completamente nuovo per lui, terminando in diciannovesima posizione. Anche Simone Corsi non è stato molto fortunato ed è stato costretto al ritiro a tre giri dalla fine.

 

Il progetto MV Agusta Forward Racing continua e il ritorno di Lorenzo Baldassarri è atteso sul circuito di Jerez de la Frontera, quando da giovedì entrerà in F2. Non una settimana di ferie per la squadra italo-svizzera che intende essere più forte che mai il prossimo anno, quando raggiungerà il suo terzo calendario consecutivo.