Alex Marquez rinnova il suo posto in Honda

Il debuttante del team Repsol Honda ha tagliato la bandiera a scacchi in seconda posizione, ottenendo il suo secondo podio consecutivo. Stefan Bradl è arrivato diciassettesimo.

Lo sforzo ripaga sempre e Alex Marquez non ha fatto altro per tutto il campionato. A poco a poco, come dice lui, è progredito “in modo professionale e corretto” fino a raggiungere il suo primo podio sull'asciutto questo fine settimana, nel primo round del Moto GP Aragon Grand Prix. La sua seconda posizione in Francia, lo scorso fine settimana, ci ha già fatto capire il grande momento che stava attraversando il principiante del Team Repsol Honda, ma quello di Cervera non è stato soddisfatto. "E' stato un risultato sull'acqua", ha detto dopo essere salito sul podio. Bene, finalmente ha ottenuto il suo meritato trofeo senza pioggia e lo ha fatto dopo una clamorosa rimonta. Il suo compagno di squadra, Stefan Bradl, ha tagliato il traguardo in diciassettesima posizione.

 

Le sessioni di formazione erano un preludio a ciò che doveva venire. Il freddo ha segnato il weekend sul circuito di MotorLand Aragón, con il continuo oscillare dei cambi gomme. Le gomme sono state la chiave per Alex Marquez che, grazie alla sua finezza in cima alla RC213V, ha mantenuto il controllo in ogni momento. Il più giovane della dinastia si è sentito a suo agio fin dal primo momento e dalla sua squadra gli hanno chiesto di continuare così, di non cambiare nulla di quello che ha fatto durante le qualifiche. Certo, aveva bisogno di una spinta di fiducia per recuperare, visto che era partito dall'undicesimo posto. Il suo compagno, sostituto del fratello Marc durante il recupero, è partito dalla ventunesima posizione.

 

Quello di Cervera era forte, si sentiva sulla moto. Fortunatamente la folle gara lo ha avvantaggiato ed è riuscito a mantenere le cose come ha fatto durante i primi giorni del weekend. Sfruttando i duelli nelle prime posizioni, Alex è rientrato nei primi giri. Lui stesso ha spiegato di sentirsi particolarmente forte nella prima e nell'ultima curva della pista aragonese, quindi si è lasciato trasportare fino a piazzarsi tra i primi 5. Con la mente fredda che lo caratterizza, il due volte campione (di Moto3 e Moto2) ha grattato secondi fino a quando non ti sei messo in lotta per la vittoria.

 

Le battaglie hanno queste cose e, proprio mentre cercava di strappare la prima posizione a Joan Mir, ha avuto uno spavento con la gomma posteriore. "Mi vedevo vincere, ma stavo spingendo i miei limiti, aspettando che Mir facesse un errore", ha commentato alla fine. La temperatura è salita ed è stato coerente gestire la moto, cosa che ha ottenuto nonostante la difficoltà della RC213V. Infine ha tagliato il traguardo in seconda posizione e come ha detto il giovane pilota: “Un podio sull'asciutto vale di più”. "Sì, ora. Ora, sì. Questo non significa che siamo secondi ogni fine settimana, ma è un punto importante per noi, fidarci ed essere più regolarmente tra i primi 8." Come un fatto curioso, quello di Cervera è finito. con gli stivali completamente strappati all'esterno ed è che non gli piace rilasciare materiale perché è molto superstizioso.

 

Questa posizione mostra la buona decisione della squadra, ma Marquez non ha mai dubitato del suo valore. "So da dove vengo, ma ho dovuto dimostrare perché e dopo aver provato, professionale e corretto, ho fatto il mio lavoro e poco a poco siamo arrivati", ha commentato il piccolo di Cervera. Toccherà a lui restare per i prossimi test e Gran Premio sul circuito di Aragon che si svolgerà il prossimo fine settimana, dal 24 al 25 ottobre.

 

Corsi finisce nella top 10

Il team MV Agusta Forward Racing ha firmato uno dei suoi migliori GP ad Aragon. La giornata di qualifiche, svoltasi nel pomeriggio e con una temperatura più alta, ha permesso a Simone Corsi di scivolare in Q2. Il portabandiera delle Fiamme Oro è partito dalla sesta fila della griglia, ma i suoi bei ricordi in pista gli hanno dato fiducia e molte motivazioni durante la gara. Una forza che ha utilizzato per tagliare il traguardo in decima posizione, aggiungendo sei punti per la classifica generale. Il suo compagno di squadra, Stefano Manzi, è partito dall'ottava fila ed è risalito fino alla quattordicesima posizione. Un risultato che vale la pena aggiungere altri due punti all'armadietto in una gara più aspra. Anche i piloti del Forward Racing Team torneranno a gareggiare, questa volta dopo i test Moto GP, il prossimo fine settimana.