Rea lascia il leader di Montmeló

Jonathan Rea ha avuto un sabato perfetto per il Kawasaki Racing Team, con una vittoria nella prima gara e la super pole. Resta in testa alla classifica di campionato.

Il Kawasaki Racing Team ha giocato in casa questo weekend del WorldSBK. Il circuito di Barcellona-Catalogna a Montmeló ha ospitato una nuova gara di questo strano ma divertente 2020. Il tempo è cambiato durante le prove libere e le qualifiche, passando dall'asfalto asciutto del mattino alla prevista pioggia del pomeriggio. Per fortuna Rea e il suo team hanno potuto lavorare sull'impianto frenante per trovare l'equilibrio necessario. Il pilota spagnolo è stato il più veloce nel pomeriggio, su una pista scivolosa. Lowes è arrivato guarito dai suoi problemi di salute ma si è dovuto accontentare della 14° posizione nelle prove libere, un tocco che lo ha aiutato a conoscere meglio la sua moto in condizioni avverse.

 

Anche nelle prime ore di sabato il tempo non è stato d'aiuto, ma Rea e Lowes sono entrati nelle FP3, chiudendo rispettivamente primo e settimo. I piloti del Kawasaki Racing Team hanno dato il massimo durante il turno di qualificazione e Rea era di 2,62 secondi davanti a Scott Redding. Alex non era abbastanza a suo agio con l’estremità posteriore ma ha lottato per finire tra i primi dieci.

 

La Tissot-Superpole è stata più o meno la stessa per Rea, che ha ottenuto il suo quarto successo consecutivo e la 27esima vittoria in carriera. Dati che lo rendono il terzo miglior pilota nella storia del WorldSBK, un traguardo che speriamo possa superare. Lowes è arrivato ottavo nella gara sprint, che gli ha permesso di guadagnare una posizione per l'inizio delle gare lunghe in Catalogna.

 

Era l'ora della gara e il sole aveva asciugato la pista di Montmeló. Il ritmo è aumentato e Rea si è sentito a suo agio ai comandi della Ninja ZX-10RR, permettendogli di guidare la corsa fino alla bandiera a scacchi. Inoltre, il pilota ha stabilito un nuovo record sul giro e la sua nona vittoria nel 2020. Si è potuta sentire la sua felicità alla fine della giornata di sabato quando ha risposto alle domande della stampa. Jonathan Rea, ha dichiarato: “È stato molto bello vincere qui. Ho avuto molte motivazioni in questa gara. È la gara di casa, della mia squadra, e Ana Carrasco non poteva essere qui nel WorldSSP300, quindi questa vittoria è stata per lei, e anche per mio nonno, visto che oggi ricorre il 27° anniversario della sua morte. L'ho usato per darmi forza per la gara, non riposarmi mai e non mollare mai.

 

La domenica è stata qualcosa di diverso per i piloti KRT, che non hanno brillato come il giorno prima. Ciò non significa che Rea non abbia dato il massimo sin dalla mattina presto, durante la Super Pole Race, lottando con un Van der Mark di grande successo. Infine, il pilota Kawasaki ha tagliato la prima bandiera della giornata al secondo posto seguito da Loris Baz. Lowes ha concluso questo veloce test in settima posizione. Un risultato quasi identico all'ottava posizione che avrebbe ottenuto nella gara di domenica. Una gara più complicata del previsto per Rea, che è arrivato quarto, ma non lo ha condizionato in classifica generale. Rimane il leader del WorldSBK 2020 e sarà presentato come tale al Pirelli French Round che si terrà dal 2 al 4 ottobre a Nevers Magny-Cours (Francia).

 

Andiamo Ana Carrasco

Sabato Rea ha indossato una maglia molto speciale. C'era scritto "Ride like a Girl" in onore della pilota Ana Carrasco, che ha subito una grave caduta durante le prove di Estoril. La spagnola si è sottoposta due volte a un intervento chirurgico alla schiena, per una frattura alla colonna vertebrale toracica. Da Puig vogliamo inviarle tutto il supporto e la forza del nostro team. Speriamo di vederla presto in moto!